logo segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Viaggi Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Voli Aerei Noleggio Auto Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Viaggi
COMPAGNIE CONFRONTATE
Easyjet Alitalia Vueling Meridiana Lufthansa Iberia Tutte le Compagnie Confrontate
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO

Voli aerei lunghi: i consigli per affrontarli con tranquillità

21/12/2017

Voli aerei lunghi: i consigli per affrontarli con tranquillitàIl desiderio di rendere un volo di diverse ore un’esperienza comunque rilassante accomuna tutti i viaggiatori, siano essi habitué di voli a lungo raggio o neofiti alla prima avventura internazionale.

Le variabili sulle quali si può agire per ottenere l’obiettivo di ridurre al minimo i disagi dovuti a questi spostamenti possono essere raggruppate in due categorie fondamentali. Eccole! 

Bagagli. L’organizzazione è tutto e pianificare con anticipo quel che vorremo mettere in valigia sarà di grande aiuto. Nel decidere i capi di abbigliamento più indicati, dovremo considerare non solo quello che ci servirà una volta giunti a destinazione, ma anche le necessità di affrontare comodamente gli spostamenti (leggi "Il guardaroba perfetto per il viaggio").

Stilare col giusto anticipo una lista delle cose che devono essere lavate, ad esempio, o comperate ci permetterà al momento della preparazione del bagaglio, di avere tutto il necessario pronto per essere impacchettato. Inoltre, avremo anche una indicazione dello spazio necessario e quindi del tipo di valigia che dovremo considerare di portare con noi (per maggiori indicazioni leggi "Trolley o zaino: un bagaglio per ogni occasione"). Nel caso ci rendessimo poi conto che il carico consentito dal biglietto che abbiamo prenotato non fosse sufficiente, avremo tutto il tempo di acquistare della capacità aggiuntiva prima di arrivare in aeroporto: una accortezza che potrà farci risparmiare parecchi soldi e stress.

Considerato che i casi in cui si rientra con un bagaglio più piccolo rispetto a quello della partenza sono delle eccezioni - anche i più reticenti allo shopping fanno fatica a resistere a souvenir e regalini per amici e familiari -  è utile portare con sè una leggera sacca pieghevole che possa aiutare a contenere quanto non troverà posto nel bagaglio alla fine del viaggio.

Nel caso di voli lunghi occorre prestare particolare cura alla preparazione della borsa a mano: il kit minimo per affrontare un viaggio intercontinentale prevede almeno qualcosa con cui coprirsi dagli inevitabili “spifferi” in cabina (una felpa con cappuccio o una grande e calda sciarpa), articoli per l’igiene personale come spazzolino e dentifricio, una crema idratante e un burro di cacao per contrastare gli effetti sulla nostra pelle dell’aria secca in cabina. Per favorire il sonno non potremo fare a meno di un cuscino da viaggio, una mascherina e dei tappi per le orecchie. Infine, oltre ovviamente ai documenti di viaggio, dovremo ricordarci di aggiungere tutto quanto possa aiutarci a far passare il tempo di volo: un libro (o meglio ancora, un ebook reader) e delle cuffie per ascoltare la nostra musica preferita non devono quindi esser assolutamente scordati.

Condizioni fisiche. Partire riposati è il primo passo per assicurarsi un volo tranquillo. Anche se l’eccitazione per l’imminente partenza potrebbe mettere a dura prova la nostra capacità di dormire serenamente i giorni prima del viaggio, occorre essere disciplinati e cercare di arrivare al momento della partenza con una sana notte di sonno alle spalle. 

Le lunghe ore in aereo sono notoriamente disidratanti e il consiglio degli esperti è di bere liquidi (acqua!) con continuità durante l’intera durata del volo. Sarà meglio limitare al minimo il consumo di bevande alcooliche e contenenti caffeina a causa del loro potere eccitante e di sottrarre acqua al corpo.

L’immobilità è poi un temibile nemico del benessere psicofisico in volo. Senza arrivare a preoccuparsi della trombosi venosa profonda - una condizione che potrebbe svilupparsi in volo come in qualsiasi altra situazione in cui si sia costretti a rimanere fermi nella stessa posizione per lunghi periodi – bisogna però ricordare che alzarsi e stirare le gambe, passeggiare per i corridoi dell’aereo e fare un po’ di stretching sono attività che richiedono poco impegno, ma dalle quali il nostro corpo potrà trarre immenso beneficio.

Per assicurarci una buona vacanza, dobbiamo infine cercare di minimizzare i disturbi dovuti al jet-lag. Cos'è il jet -lag? Una condizione fisiologica che deriva da rapidi cambiamenti del ritmo circadiano naturale del corpo (il ciclo sonno-veglia). Il più delle volte si verifica dopo aver attraversato diversi fusi orari rapidamente, come succede con i voli lunghi, e tende a essere esacerbata quando si viaggia in direzione est. 

Il risultato è che, a causa di questo repentino cambiamento temporale, il corpo reagisce provando una sensazione di stanchezza e pigrizia che può essere difficile da combattere. La prima regola per ridurre questi fastidi, è quella di cercare di regolare il proprio bioritmo al ciclo notte-giorno a destinazione. Spostare le lancette dell’orologio appena saliti a bordo e cercare di mangiare, dormire, stare svegli seguendo il fuso orario della propria meta è un accorgimento che può aiutare anche psicologicamente. Inoltre, recenti studi hanno sottolineato come gli alimenti ricchi di carboidrati come spaghetti e pane integrale rendano più facile far fronte al jet lag: livelli più elevati di insulina (e questi cibi ne sono ricchi) renderebbero infatti più facile la transizione da un sonno e da un programma alimentare a un altro. 

Più in generale, anche il cibo che si assume prima o durante il volo può modificare, sia in senso positivo che peggiorativo, la nostra esperienza di viaggio. A bordo, per i più sensibili ai problemi di digestione, l’opzione preferibile è quella di portare da casa degli snack leggeri. Chi preferisce invece utilizzare il servizio in cabina potrebbe scegliere l’opzione vegetariana, generalmente più nutriente e leggera rispetto al piatto standard. Da ricordare che spesso i “menù  speciali” vanno ordinati in anticipo, col vantaggio però che a bordo si viene serviti prima degli altri!

Con questi pochi consigli, potremo allora affrontare con tranquillità un volo lungo. Perché non approfittarne visitando ad esempio il Cile, al top della classifica delle destinazioni per il 2018, o il Giappone, magari nel periodo primaverile?

Grazie a Segugio.it, non saranno certo i prezzi dei voli a fermarci. Visitando la pagina dedicata alle offerte di volo più convenienti, infatti troviamo (rilevazione del 20 dicembre) i voli A/R per Santiago del Cile di Alitalia da Milano Malpensa ad appena 521 euro a persona e da Roma Fiumicino a 518 euro, ipotizzando come date di viaggio il 2 e il 13 maggio 2018.

Nelle stesse date, anche il Giappone potrebbe essere raggiunto con un budget limitato. Il volo di andata e ritorno più conveniente da Roma Fiumicino viene proposto da Air China a 474 euro, con scalo a Pechino, mentre il volo diretto di Alitalia costa 555 euro. Partendo da Milano Malpensa invece la tariffa più conveniente è quella del volo diretto Alitalia per Tokyo Narita a 493 euro.

A cura di: Giulia Roberti
Come valuti questa notizia?
Voli aerei lunghi: i consigli per affrontarli con tranquillità Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Prenotare un volo: occhio ai prezzi dinamici pubblicato il 13 aprile 2019
Low cost, quanto mi costi pubblicato il 22 dicembre 2018
Ryanair introduce il bagaglio a mano a pagamento. E i viaggiatori insorgono pubblicato il 2 novembre 2018
Le migliori APP viaggio per organizzare la partenza pubblicato il 26 novembre 2017
Assicurazione viaggio: cosa comprende? pubblicato il 28 novembre 2017

I NOSTRI VANTAGGI

Ampia scelta di voli low cost ed economici

Confronta solo le migliori offerte volo

Servizio di confronto voli veloce e gratuito

Nessun costo aggiuntivo applicato

GUARDA LO SPOT TV

Segugio on Air- Spot TV 2015
Chiudi X