logo segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Viaggi Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Voli Aerei Noleggio Auto Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Viaggi
COMPAGNIE CONFRONTATE
Easyjet Alitalia Vueling Meridiana Lufthansa Iberia Tutte le Compagnie Confrontate
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO

Controlli di sicurezza in aeroporto: consigli utili

13/12/2017

Controlli di sicurezza in aeroporto: consigli utiliTra le più antipatiche esperienze di viaggio, vi è sicuramente quella di arrivare di corsa ai controlli di sicurezza per l’imbarco e rimanere bloccati in coda mentre chi ci precede nella fila sembra avere tutto il tempo del mondo a disposizione. Ragazzi che armeggiano coi lacci delle scarpe da trekking, persone che sembrano aver svuotato il porcellino dei risparmi dividendo le monete tra tutte le tasche disponibili e genitori che si disperano cercando di liberare i bambini da giubbotti con le cerniere incastrate sembrano congiurare per farci perdere l’aereo.

Per fortuna, qualche semplice accorgimento può aiutarci a limitare il nostro disappunto e rendere il controllo di sicurezza una formalità necessaria, ma affrontabile con tranquillità.

Prima regola: scegliere la fila dove mettersi in coda non solo in base al numero di passeggeri in attesa, ma alla loro tipologia cercando di privilegiare quelle composte da persone da sole che sembrano esperte nel passare attraverso i varchi di sicurezza con rapidità. Come riconoscerli? E’ quasi una scienza esatta: generalmente hanno i documenti di viaggio (o lo smartphone) in mano per essere pronti a mostrarli su richiesta, un solo bagaglio a mano e, mentre attendono, cominciano a controllare il contenuto delle tasche e a sfilarsi giacche e giubbotti. Tipicamente – ma non solo - si tratta di viaggiatori business, ben abituati a seguire la procedura, e anche l’abbigliamento può essere quindi un buon indicatore della loro capacità di non intralciare la fila.

Molto però dipende da noi stessi, soprattutto se non vogliamo trasformarci nel genere di passeggero che odiamo avere davanti a noi in coda.

Innanzitutto i bagagli: limitiamo quelli a bordo al minimo indispensabile. Spesso lo stivaggio della nostra valigia è incluso nel biglietto aereo e vale la pena di approfittarne. L’idea che portando il nostro trolley in cabina saremo più veloci non dovendolo aspettare ai nastri è, nella maggior parte dei casi, un errore. Una certezza addirittura nel caso di voli con destinazione fuori dall’Area Shengen, quando all’arrivo dovremo passare per il controllo passaporti e le nostre valigie saranno di certo al punto di riconsegna prima di noi. Senza contare che ormai negli aeroporti, tra gate in arrivo e uscita dal terminal si percorrono chilometri: meglio affrontare la scarpinata leggeri e ritirare il bagaglio poco prima dell’uscita, dove si trova l’area di raccolta bagagli.

Dell’importanza di avere i documenti a portata di mano abbiamo detto, mentre un altro aspetto al quale occorre fare attenzione è certamente quello di scegliere l’abbigliamento più appropriato per affrontare i controlli di sicurezza. Indossare quindi capi facili da sfilare e, in particolare, scarpe senza lacci e fibbie che si possono mettere e togliere senza doversi chinare. Prima del nostro turno, togliere cintole, gioielli e orologi e riporli nel nostro bagaglio a mano o nelle tasche della giacca che passerà attraverso lo scan; ne guadagneremo oltre che in rapidità anche in sicurezza, riducendo il rischio di dimenticarli nel vassoio.

Conoscere gli articoli che è consentito portare in cabina è poi un must: alcune regole – in particolare quelle riguardanti liquidi, gel e aerosol e quelle relative ai dispositivi elettronici – sono diventate ormai degli standard, ma a seconda dei paesi di destinazione potremmo avere delle sorprese. In caso di dubbio, occorre sempre fare riferimento al’apposita sezione del sito dell’ENAC che informa su tutte le norme e le novità sull’argomento.

Liquidi, gel e aerosol possono essere introdotti in cabina solo se in contenitori di capienza non superiore a 100 ml inseriti in un sacchetto di plastica trasparente e senza superare il limite totale di un litro. E’ buona norma che i singoli recipienti siano etichettati per indicarne il contenuto. La busta di plastica non è sempre obbligatoria, ma è sicuramente di aiuto per renderci le cose più facili quando dobbiamo tirarli fuori e poi riporli nella borsa.

In questa categoria sono possibili due eccezioni: i liquidi acquistati nel duty-free che ci saranno consegnati in un sacchetto sigillato e non potranno essere aperti prima dell’imbarco e i medicinali, per i quali potrebbe però essere richiesta la presentazione della ricetta medica. Anche il cibo per neonati, se chiaramente identificato e limitatamente a quanto necessario per la durata del viaggio, può essere portato a bordo.

I computer portatili e gli altri dispositivi elettrici ed elettronici di grande dimensioni vanno estratti dal bagaglio a mano affinché possano essere esaminati separatamente. Dedicare loro una posizione facilmente accessibile nella valigia (evitando ad esempio di riporli sul fondo sotto tutto il resto), sarà allora una accortezza necessaria.

Tra gli articoli vietati si trovano ovviamente tutte le armi e tutto ciò che possa essere usato come tale, quali ad esempio gli oggetti acuminati o affilati. Qualcosa che spesso però viene dimenticato è che anche le armi giocattolo sono vietate e questo genera assai spesso interminabili discussioni dovute a bambini piangenti e genitori che cercano di convincere gli addetti alla sicurezza a trattare il loro caso come una eccezione. Una Impresa che si traduce inevitabilmente in un insuccesso!

Infine, come in molte occasioni nella vita, la gentilezza ripaga. Ricordare sempre che gli addetti alla sicurezza sono li per il nostro bene e non per infastidirci con le loro richieste, ci aiuterà ad essere collaborativi e ad evitare inutili nervosismi.

Con questi pochi suggerimenti, saremo pronti ad affrontare tranquillamente anche gli aeroporti più severi. Perché non provare allora JFK a New York che, con oltre 55 milioni di passeggeri all’anno, è uno degli scali più affollati del mondo?

Basta, prima di comrpare il biglietto, confrontare le tariffe sulla pagina di Segugio.it dedicata alle offerte per le destinazioni più richieste, tra le quali New York: delle comode tabelle ci forniranno i dati sui voli più convenienti per la Grande Mela da Milano o Roma nei prossimi 7 giorni, nelle prossime 72 ore, nei prossimi fine settimana e nei prossimi 12 mesi.

A cura di: Giulia Roberti
Come valuti questa notizia?
Controlli di sicurezza in aeroporto: consigli utili Valutazione: 4/5
(basata su 11 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Low cost, quanto mi costi pubblicato il 22 dicembre 2018
Ryanair introduce il bagaglio a mano a pagamento. E i viaggiatori insorgono pubblicato il 2 novembre 2018
Voli aerei lunghi: i consigli per affrontarli con tranquillità pubblicato il 21 dicembre 2017
Viaggiare in autunno a piccoli prezzi pubblicato il 27 ottobre 2018
Le migliori mete nel mondo secondo il World Economic Forum pubblicato il 26 aprile 2017

I NOSTRI VANTAGGI

Ampia scelta di voli low cost ed economici

Confronta solo le migliori offerte volo

Servizio di confronto voli veloce e gratuito

Nessun costo aggiuntivo applicato

GUARDA LO SPOT TV

Segugio on Air- Spot TV 2015
Chiudi X