Logo Segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Viaggi Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Voli Aerei Noleggio Auto Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Viaggi
COMPAGNIE CONFRONTATE
Easyjet Alitalia Vueling Meridiana Lufthansa Iberia Tutte le Compagnie Confrontate
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO

Volo cancellato? Fate valere i vostri diritti

20/09/2017

Se avete prenotato un volo Ryanair, vi conviene consultare il sito perché potrebbe rientrare nella lista nera degli 82 voli cancellati domenica scorsa dalla compagnia aerea. Un programma che andrà avanti per settimane, fino alla fine di ottobre e fino alla cancellazione di circa 2100 voli in totale – una media di 50 tratte al giorno - dal calendario della nota compagnia aerea low cost.

Il perché è stato spiegato ufficialmente con una nota arrivata a giustificare una manovra senza precedenti: un’errata valutazione dei riposi che spettano ai piloti e la risoluzione dei bug di inefficienza accumulati dalla società, con un tasso di puntualità sceso sotto l’80% negli ultimi mesi. Sempre nella nota, il chief marketing officer di Ryanair Kenny Jacobs ha commentato così la decisione presa dal noto brand aereo: “abbiamo mancato gli obiettivi fissati per le ferie dei nostri piloti e stiamo lavorando duro per smaltirli in tempo”.

Una vicenda dunque che riapre questioni spinose di cui i vettori aerei low cost sono accusati, come i ritmi di lavoro troppo intensi, l’utilizzo intensivo degli aeromobili e i bassi stipendi che giocherebbero come una combinazione letale che compromette l’efficienza della compagnia.

Immediata la reazione di Federconsumatori, che dal diffondersi della notizia il 16 settembre non ha aspettato a mettere in allerta gli oltre 400.000 viaggiatori coinvolti, ricordando il loro diritto al rimborso del volo. La stessa Ryanair insieme alla lista dei voli cancellati ha pubblicato sul sito le due possibilità: richiedere il rimborso oppure modificare gratuitamente il volo cancellato. In più, la compagnia scrive di essere consapevole che la cancellazione di un volo può causare disagi, ma garantisce comunque la conformità dell’azione intrapresa al Regolamento EU 261/2004. Al 19 settembre l’azienda ha pubblicato sul sito l’elenco di tutti i voli cancellati fino al 30 ottobre, coinvolgendo anche diversi scali italiani.

Di cosa si tratta ne abbiamo diffusamente parlato in una nostra news di qualche tempo fa, "Ritardo voli: rimborsi fino a 600 euro", dove ricordiamo che in caso di ritardo o cancellazione del volo o di danneggiamento dei bagagli esiste un documento che riporta tutti i diritti a cui appellarsi. Si chiama Carta dei Diritti del Passeggero ed è una sintesi e una guida di riferimento alla normativa in materia di trasporto aereo, che permette al viaggiatore di sapere cosa fare in presenza di disservizi: inaugurata nel 2001 e definita proprio dal Regolamento CE 261/2004, è stata aggiornata nel 2005 stabilendo nel dettaglio ogni tipo di risarcimento a seconda del danno subito.

Il caso specifico di cancellazione di un volo che parte da un aeroporto dell’Unione Europea, della Norvegia, dell'Islanda e della Svizzera dà diritto a un indennizzo che va da un minimo di 250 euro a un massimo di 600 euro, in base alla distanza percorsa dal volo. Nel dettaglio, la tariffa di rimborso prevede tre fasce di percorrenza dei vettori: entro i 1.500 chilometri, tra i 1.500 e i 3.500 chilometri e sopra i 3.500 chilometri. Il rimborso per ritardi superiori alle 3 ore di tempo saranno rispettivamente di 250, 400 e 600 euro, indifferentemente che si tratti di ritardo, cancellazione o overbooking. Il reclamo dovrà essere inviato alla compagnia aerea responsabile del disservizio, e successivamente anche all'Enac – l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile - compilando online l'apposito modulo di segnalazione disservizi o inviando una mail alle sedi aeroportuali dell’Enac presso le quali l’evento si è verificato. L'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile userà la segnalazione per il suo database al fine di migliorare il servizio degli operatori di volo ai passeggeri.

La Carta dei diritti del Passeggero dice anche che la compensazione pecuniaria non è dovuta nel caso in cui la compagnia aerea possa provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali o il passeggero sia stato informato della cancellazione in tempi congrui (es. con almeno due settimane di preavviso). Tuttavia Ryanair informa che saranno rimborsati tutti i passeggeri, con i risarcimenti potrebbero ammontare a 20 milioni di euro.

In tema di voli, non possiamo non menzionare il servizio di prenotazioni di Segugio.it. Le sezioni dedicate al confronto voli e noleggio auto di Segugio Viaggi nascono proprio con questo obiettivo: aiutare l’utente a scegliere confrontando le offerte delle principali compagnie aeree e dei maggiori autonoleggi, consentendo di risparmiare tempo e denaro grazie a un'esposizione dei risultati chiara e intuitiva, che non nasconde costi aggiuntivi per il suo utilizzo.

A cura di: Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Volo cancellato? Fate valere i vostri diritti Valutazione: 5/5
(basata su 5 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Ryanair e i viaggi alternativi in autobus pubblicato il 5 ottobre 2017
Ryanair: da marzo voli garantiti pubblicato il 12 novembre 2017
Un'idea per Natale: tornano i buoni regalo Ryanair pubblicato il 17 novembre 2016
Natale: idee regalo per viaggiatori pubblicato il 2 dicembre 2017
Trolley o zaino: un bagaglio per ogni occasione pubblicato il 11 maggio 2017

I NOSTRI VANTAGGI

Ampia scelta di voli low cost ed economici

Confronta solo le migliori offerte volo

Servizio di confronto voli veloce e gratuito

Nessun costo aggiuntivo applicato

GUARDA LO SPOT TV

Segugio on Air- Spot TV 2015
Chiudi X