logo segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Viaggi Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Voli Aerei Noleggio Auto Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Viaggi
COMPAGNIE CONFRONTATE
Easyjet Alitalia Vueling Meridiana Lufthansa Iberia Tutte le Compagnie Confrontate
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO

British Airways riduce lo spazio tra i sedili e le low-cost cantano vittoria

14/03/2017

British Airways riduce lo spazio tra i sedili e le low-cost cantano vittoriaLa comunicazione da parte di British Airways dell’intenzione di ridurre lo spazio a disposizione per le gambe dei passeggeri a bordo dei suoi aerei, sta causando tante e diverse reazioni, sia da parte dei concorrenti che da parte dei passeggeri e degli analisti di mercato.

Il progetto di British Airways per aumentare il numero di posti disponibili sugli aeromobili che effettuano voli in classe economica a corto raggio da Londra verso destinazioni europee, ridurrà la distanza tra sedili, che passerà quindi da 76,2 a 73,7 centimetri. Questi cambiamenti permetteranno a British Airways di aggiungere fino a due file di sedili sugli aerei Airbus A320 e A321, la capacità dei quali passerà di conseguenza da 168 a 180 passeggeri.

Immediata la reazione dei concorrenti low-cost, e in particolare di Ryanair che, garantendo ai propri passeggeri uno spazio di 2,5 cm più ampio (o addirittura di 5 cm nella nuova configurazione) nei propri velivoli, ha subito ironizzato con il tweet “un motivo in più per volare con noi”.

Con l’aumento della capacità, lo spazio per le gambe a disposizione dei passeggeri sui voli BA sarà invece uguale a quello assicurato sugli aeromobili di Easyjet e Vueling.

British Airways ha candidamente dichiarato che “ l’aggiunta dei sedili consentirà di garantire prezzi più bassi”, dando ancora più evidenza al nuovo indirizzo strategico della compagnia britannica: competere con le compagnie low-cost sulla dimensione del prezzo, adattandosi al modello di business “no-frills” che le stesse hanno lentamente, ma permanentemente, introdotto nel mercato.

Ad ulteriore dimostrazione di questa rottura col passato, BA ha addirittura adottato il sistema “buy-on-board” per i voli a corto raggio: gli snacks e le bevande – un tempo gratis – sono ora a pagamento, così come l’acqua e addirittura il tea!

Questo cambio di “pelle” della compagnia di bandiera britannica è stato ovviamente notato dai clienti che lo hanno accolto con reazioni contrastanti.

Da un lato coloro che, interessati solo a pagare per i servizi di cui usufruiscono e le cui scelte di viaggio sono fondamentalmente legate al fattore prezzo, si sono ovviamente schierati a favore della novità: la concorrenza di BA alle low-cost sul loro stesso terreno di gioco avrà infatti l’effetto di aumentare le opzioni di volo, spingendo i prezzi ulteriormente verso il basso.

Diversa invece la replica dei passeggeri – soprattutto i tanti che si muovono in Europa per ragioni di lavoro -  che negli anni non si sono adattati all’offerta delle compagnie low-cost e hanno continuato ad utilizzare le compagnie tradizionali proprio per il superiore livello di servizio e quei piccoli vizi che erano solite concedere indiscriminatamente con l’acquisto del biglietto. 

In particolare, molti fanno notare come, attraverso questa nuova strategia, BA stia sottovalutando il vantaggio competitivo più prezioso che possiede: la percezione dei passeggeri di poter ottenere sugli aerei British Airways una esperienza di volo decisamente migliore rispetto alle alternative più economiche come Ryanair e Easyjet. Una percezione che ha richiesto decenni per essere costruita e mantenuta, ma che può cambiare assai velocemente se la compagnia aerea persiste nell’intento di imitare le concorrenti low-cost.

La riduzione della differenziazione dei prodotti tra BA e i suoi concorrenti a basso costo sembra un errore anche per un altro ordine di ragioni: data la diversa – e più onerosa - struttura di costo, British Airways ha più difficoltà a garantire tariffe allineate a quelle delle low-cost senza rimanere indietro sul fronte della profitabilità. Competere sul prezzo – e solo su quello -  con aziende i cui costi sono strutturalmente inferiori ai propri è quindi un gioco in cui British Airways rischia di perdere, più che guadagnare.

Alla fine, come in tutti i settori, saranno i clienti a decretare il successo (o il fallimento) della strategia di British Airways. 

Nel frattempo, per noi viaggiatori è ancora più importante imparare a  comparare correttamente le offerte presenti sul mercato, capendo cosa è realmente incluso nelle diverse tariffe.  Proprio per aiutarci in questa direzione, Segugio.it – oltre al servizio di comparazione dei voli che offre in maniera continuativa e sempre gratuitamente-  ha recentemente pubblicato un articolo con una serie di consigli che ci permetteranno di risparmiare, acquistando il biglietto di volo più adatto alle nostre esigenze.

A cura di: Giulia Roberti
Come valuti questa notizia?
British Airways riduce lo spazio tra i sedili e le low-cost cantano vittoria Valutazione: 5/5
(basata su 3 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Dalla Cina all’Italia con ancora più amore pubblicato il 9 giugno 2019
Low cost, quanto mi costi pubblicato il 22 dicembre 2018
Prenotare un volo: occhio ai prezzi dinamici pubblicato il 13 aprile 2019
Ryanair introduce il bagaglio a mano a pagamento. E i viaggiatori insorgono pubblicato il 2 novembre 2018
Voli aerei lunghi: i consigli per affrontarli con tranquillità pubblicato il 21 dicembre 2017

I NOSTRI VANTAGGI

Ampia scelta di voli low cost ed economici

Confronta solo le migliori offerte volo

Servizio di confronto voli veloce e gratuito

Nessun costo aggiuntivo applicato

GUARDA LO SPOT TV

Segugio on Air- Spot TV 2015
Chiudi X