logo segugio.it

LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Viaggi Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Voli Aerei Noleggio Auto Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Viaggi
COMPAGNIE CONFRONTATE
Easyjet Alitalia Vueling Meridiana Lufthansa Iberia Tutte le Compagnie Confrontate
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO

Questione booking: il Parlamento dà ragione agli albergatori

21/10/2015

Questione booking: il Parlamento dà ragione agli albergatori

Non si ferma il lavoro del Parlamento sul ddl Concorrenza, che questa volta ha visto decidere senza riserve quello che è stato definito “l’emendamento booking”.

Oggetto del provvedimento, l’abolizione della parity rate, una clausola giudicata “vessatoria” per gli operatori alberghieri in quanto stabiliva che sul loro sito non potessero praticare tariffe più basse rispetto a quelle offerte dai cosiddetti OTA, le online travel agency.

Presentato dal deputato Pd Tiziano Arlotti e approvato dall’Aula della Camera alla quasi unanimità con 434 voti favorevoli e soltanto 4 contrari, l’emendamento sottolinea che “saranno nulle le clausole che obbligano gli albergatori a non praticare alla clientela finale prezzi e condizioni migliori rispetto a quelli praticati dalla stessa impresa tramite intermediari terzi, anche online, indipendentemente dalla legge regolatrice del contratto”.

A chiedere di mettere fine a un accordo commerciale che col tempo e con la crisi del settore era diventato troppo penalizzante per gli operatori alberghieri, l’associazione di categoria Federalberghi, che aveva denunciato una vera e propria limitazione della concorrenza.

Non solo. Perché ancora prima una serie di ricorsi avevano indotto l’Antitrust, di concerto con la Commissione Europea, a stabilire una limitazione alla clausola parity rate, rendendola valida esclusivamente per le prenotazioni online: in questo modo, l’albergatore poteva sì proporre tariffe più convenienti rispetto a operatori come Booking o Expedia, ma doveva farlo solo su canali differenti dal suo sito.

Nel luglio della scorsa estate un’altra associazione di categoria si era fatta portavoce di una campagna di comunicazione che invitava a prenotare il proprio albergo per telefono, proprio per riuscire a evitare le clausole. Solo dopo una serie di rifiuti da parte del governo la questione è stata riproposta in Parlamento, trovando pieno consenso e l’approvazione della Camera dei Deputati.

Ma una volta che il Senato avrà dato il via libera alla caduta della clausola perché lesiva del principio di libera concorrenza, sarà davvero tutto in discesa per gli operatori alberghieri? La risposta potrebbe essere negativa.

Innanzitutto perché la pratica di avvalersi degli intermediari online è difficile da scardinare nell’utente, abituato com’è a comparare e scegliere tra molte offerte: basti pensare che nel nostro Paese il 73% delle prenotazioni si effettua su Booking, il 17,7% su Expedia e solo il 14% direttamente dalla struttura.

Oltretutto, il cliente si aspetterà una riduzione delle tariffe fino al 30%, la percentuale di commissione che adesso gli operatori corrispondo agli intermediari, ma ciò renderebbe nullo lo switch e in più toglierebbe all’operatore una buona parte di utenti indotta dalla notorietà dei portali delle online travel agency.

A cura di: Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Questione booking: il Parlamento dà ragione agli albergatori Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Viaggiare in autunno a piccoli prezzi pubblicato il 27 ottobre 2018
Prenotare un volo: occhio ai prezzi dinamici pubblicato il 13 aprile 2019
In viaggio con le app più trendy dell’anno pubblicato il 28 luglio 2018
Mercatini di Natale Klagenfurt 2018: cosa vedere pubblicato il 25 novembre 2018
Vacanze: le più gettonate di questa estate pubblicato il 1 luglio 2017

I NOSTRI VANTAGGI

Ampia scelta di voli low cost ed economici

Confronta solo le migliori offerte volo

Servizio di confronto voli veloce e gratuito

Nessun costo aggiuntivo applicato

GUARDA LO SPOT TV

Segugio on Air- Spot TV 2015
Chiudi X